52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Ezetimibe aggiunto alla terapia con statine dopo sindrome coronarica acuta


La terapia con statine riduce i livelli di colesterolo LDL e il rischio di eventi cardiovascolari, ma non è chiaro se l'aggiunta di Ezetimibe ( Ezetrol, Zetia ), un farmaco non-statina che riduce l'assorbimento del colesterolo intestinale, possa ridurre il tasso di eventi cardiovascolari maggiori.

È stato condotto uno studio in doppio-cieco, randomizzato, che ha coinvolto 18.144 pazienti ospedalizzati per una sindrome coronarica acuta nei precedenti 10 giorni e con livelli di colesterolo LDL di 50-100 mg per decilitro ( 1.3-2.6 mmol per litro ) se ricevevano la terapia ipolipemizzante o 50-125 mg per decilitro ( 1.3-3.2 mmol per litro ) se non ricevevano la terapia ipolipemizzante.

La combinazione di Simvastatina ( 40 mg ) ed Ezetimibe ( 10 mg ) ( Simvastatina-Ezetimibe; Vytorin ) è stata confrontata con Simvastatina ( 40 mg ) e placebo ( monoterapia con Simvastatina ).

L'end point primario composito era rappresentato da morte cardiovascolare, infarto miocardico non-fatale, angina instabile con necessità di riospedalizzazione, rivascolarizzazione coronarica ( 30 giorni o più dopo la randomizzazione ), o ictus non-fatale.

Il follow-up mediano è stato di 6 anni.

Il livello medio di colesterolo LDL ponderato nel tempo medio durante lo studio è stato pari a 53.7 mg per decilitro ( 1.4 mmol per litro ) nel gruppo Simvastatina ed Ezetimibe, rispetto a 69.5 mg per decilitro ( 1.8 mmol per litro ) nel gruppo Simvastatina in monoterapia ( P minore di 0.001 ).

Il tasso di eventi di Kaplan-Meier per l'end point primario a 7 anni è stato del 32.7% nel gruppo Simvastatina ed Ezetimibe, rispetto al 34.7% nel gruppo Simvastatina in monoterapia ( differenza di rischio assoluto, 2.0 punti percentuali; hazard ratio, HR=0.936; P=0.016 ).

I tassi di effetti avversi prespecificati a muscoli, cistifellea e fegato e di cancro sono risultati simili nei due gruppi.

In conclusione, quando è aggiunto alla terapia con statine, Ezetimibe provoca l'abbassamento incrementale dei livelli di colesterolo LDL e migliora gli esiti cardiovascolari.
Inoltre, l'abbassamento del colesterolo LDL a livelli inferiori rispetto agli obiettivi precedenti ha fornito ulteriori benefici. ( Xagena2015 )

Cannon CP et al, N Engl J Med 2015; 372: 2387-2397

Endo2015 Cardio2015 Farma2015


Indietro