Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Infarto acuto del miocardio: eventi clinici come funzione dell'utilizzo di inibitori della pompa protonica, uso di Clopidogrel e genotipo del citocromo P450 2C19


L’antiaggregante piastrinico Clopidogrel ( Plavix ) richiede l’attivazione metabolica da parte del citocromo P450 2C19 ( CYP2C19 ).
Gli inibitori della pompa protonica che inibiscono CYP2C19 sono comunemente somministrati insieme a Clopidogrel per ridurre il rischio di sanguinamento gastrointestinale.
È stata condotta un’analisi per confrontare gli esiti di trattamento per i pazienti inclusi nel registro FAST-MI ( French Registry of Acute ST-Elevation and Non-ST-Elevation Myocardial Infarction ) che avevano o non-avevano ricevuto Clopidogrel e/o inibitori della pompa protonica.

Il registro includeva 3.670 pazienti ( 2.744 naïve al clopidogrel e naïve agli inibitori della pompa protonica ) con infarto del miocardio definito.

I pazienti sono stati suddivisi in categorie in base all’utilizzo di Clopidogrel e/o inibitori della pompa protonica entro 48 ore dopo l’ammissione in ospedale.

L’uso di inibitori della pompa protonica non è risultato associato a un aumento del rischio di alcuno dei principali eventi in ospedale ( sopravvivenza in ospedale, reinfarto, ictus, sanguinamento e trasfusione ).

In modo simile, il trattamento con inibitori della pompa protonica non è risultato essere un predittore indipendente di sopravvivenza a 1 anno ( hazard ratio, HR=0.97; P=0.57 ) o infarto miocardico a 1 anno, ictus o decesso ( HR=0.98; P=0.72 ).

Non sono emerse differenze quando sono stati presi in considerazione il tipo di inibitore della pompa protonica o il genotipo CYP2C19.

Nelle coorti appaiate per propensity score, gli odds ratio ( OR ) per eventi maggiori in ospedale nel gruppo inibitori della pompa protonica versus nessun inibitore della pompa protonica sono stati 0.29 e 1.70 per i pazienti con una o due varianti alleliche, rispettivamente.

In modo simile, l’hazard ratio per i sopravvissuti a eventi in ospedale, a 1 anno, è stato pari a 0.68 e 0.55, rispettivamente.

In conclusione, l’uso di inibitori della pompa protonica non è risultato associato a un aumento del rischio di eventi cardiovascolari o a mortalità nei pazienti ai quali veniva somministrato Clopidogrel per un recente infarto miocardico, indipendentemente dal genotipo CYP2C19, benché il rischio non possa essere escluso formalmente nei pazienti con due alleli con perdita di funzione. ( Xagena2011 )

Simon T et al, Circulation 2011; 123: 474-482


Farma2011 Cardio2011 Gastro2011


Indietro