Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Cardiobase
Xagena Mappa

Ivabradina, un inibitore della corrente If, risulta efficace e sicura nel breve periodo nei pazienti con angina stabile


L’Ivabradina ( Procoraban ) è un farmaco che riduce la frequenza cardiaca, agendo in modo specifico sul nodo seno-atriale.
Appartiene ad una nuova classe , quella degli inibitori della corrente If.

Un totale di 360 pazienti con storia di angina cronica stabile di durata superiore a 3 mesi sono stati assegnati in modo random a ricevere Ivabradina ( 2,5, 5 o 10 mg b.i.d.) o placebo per 2 settimane:
Lo studio è stato poi continuato in aperto per 2-3 mesi ; Ivabradina è stata somministrata al dosaggio di 10 mg b.i.d.

L’Ivabradina ha migliorato in modo dose-dipendente la tolleranza all’esercizio ed il tempo di sviluppo dell’ischemia durante esercizio.

Il farmaco è risultato efficace e sicuro durante i 3 mesi di studio.

La sicurezza nel lungo periodo non è stata valutata. ( Xagena2003 )

Borer JS et al, Circulation 2003; 107 :817-823

Cardio2003 Farma2003


Indietro