Aggiornamenti in Aritmologia
Cardiobase
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Associazione della troponina T cardiaca ad alta sensibilità seriale con successivi eventi cardiovascolari in pazienti stabilizzati dopo sindrome coronarica acuta: analisi secondaria da IMPROVE-IT


Gli studi hanno dimostrato un'associazione tra singole misure di troponina ad alta sensibilità ( hsTn ) e futuri eventi cardiovascolari nei pazienti con sindromi coronariche croniche.
Tuttavia, esistono dati limitati riguardanti l'associazione tra i cambiamenti nei valori seriali di hsTn e i successivi eventi cardiovascolari in questa popolazione di pazienti.

È stata valutata l'associazione tra i cambiamenti nella troponina T ad alta sensibilità ( hsTnT ) e i successivi eventi cardiovascolari nei pazienti stabilizzati dopo sindrome coronarica acuta ( ACS ).

Questa è un'analisi secondaria dello studio IMPROVE-IT ( Improved Reduction of Outcomes: Vytorin Efficacy International Trial ), uno studio clinico randomizzato di Ezetimibe vs placebo su un background di Simvastatina in 18.144 pazienti ricoverati per sindrome coronarica acuta attraverso 1.147 siti in 39 Paesi.

L'attuale sottostudio sui biomarcatori ha incluso 6.035 partecipanti che hanno acconsentito al sottostudio sui biomarcatori con valori hsTnT disponibili ai mesi 1 e 4.
I dati sono stati raccolti dal 2005 al 2010, con il database bloccato nel 2014.
I dati sono stati analizzati tra il 2021 e il 2022.

Gli esiti di interesse erano la morte cardiovascolare, l'infarto del miocardio, l'ictus o l'ospedalizzazione per insufficienza cardiaca ( HHF ).

Dei 6.035 pazienti in questa analisi ( età mediana, 64 anni ), 1.486 ( 24.6% ) erano donne; 361 ( 6.0% ) erano asiatici; 121 ( 2.0% ) erano neri; 252 ( 4.2% ) erano di origine ispanica; 4.959 ( 82.2% ) erano bianchi; e 342 ( 5.7% ) hanno segnalato un'altra etnia ( consolidata a causa di piccoli numeri ), hanno rifiutato di rispondere o non è stato chiesto di segnalare l’etnia a causa di divieti normativi.

La maggior parte dei pazienti ( 4.114, 68.2% ) presentava valori di troponina hsTnT stabili ( variazione inferiore a 3 ng/l ), con 1.158 ( 19.2% ) e 763 ( 12.6% ) con variazioni da 3 a meno di 7 ng/l e 7 ng/l o più, rispettivamente.

Dopo l'aggiustamento per i fattori di rischio clinico e la stratificazione in base al livello di troponina hsTnT del mese iniziale 1, un aumento assoluto di troponina hsTnT di 7 ng/l o più è stato associato a un rischio più di 3 volte maggiore dell'esito composito ( hazard ratio aggiustato, aHR, 3.33; P minore di 0.001 ), mentre diminuzioni di 7 ng/l o più sono state associate a un rischio simile o inferiore ( aHR, 0.51; P=0.06 ) rispetto a valori stabili.

C'è stata un'associazione graduale che è passata da maggiori diminuzioni assolute ( aHR, 0.51 ) a maggiori aumenti assoluti ( aHR, 3.33 ) della troponina hsTnT con futuro rischio dell'esito composito ( P tendenza minore di 0.001 ).

Un'associazione simile è stata osservata quando è stata analizzata sulla base della percentuale relativa e del cambiamento continuo.

Tra i pazienti stabili post-sindrome coronarica acuta, i cambiamenti della troponina hsTnT sono stati associati a un gradiente di rischio di successivi eventi cardiovascolari nell'intervallo dei valori iniziali di troponina hsTnT.

La valutazione seriale di troponina T ad alta sensibilità può affinare la stratificazione del rischio con il potenziale di guidare le decisioni terapeutiche in questa popolazione di pazienti. ( Xagena2022 )

Patel SM et al, JAMA Cardiol 2022; 7: 1199-1206

Cardio2022



Indietro