52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Effetto della dose di carico di Atorvastatina prima dell'intervento coronarico percutaneo pianificato su eventi cardiovascolari avversi maggiori nella sindrome coronarica acuta: studio SECURE-PCI


Gli effetti delle dosi di carico di statine sugli esiti clinici in pazienti con sindrome coronarica acuta ( ACS ) e gestione invasiva pianificata rimangono incerti.
Uno studio ha verificato se le dosi di carico periprocedurale di Atorvastatina riducano gli eventi avversi cardiovascolari maggiori ( MACE ) a 30 giorni nei pazienti con sindrome ACS e gestione invasiva pianificata.

È stato condotto uno studio clinico multicentrico, in doppio cieco, controllato con placebo, randomizzato, che ha interessato 53 Centri in Brasile per 4.191 pazienti con sindrome coronarica acuta valutati mediante angiografia coronarica per procedere a un intervento coronarico percutaneo ( PCI ) se anatomicamente fattibile.
L'arruolamento è avvenuto nel periodo 2012-2017.
Il follow-up finale per gli esiti a 30 giorni è avvenuto nel 2017.

I pazienti sono stati randomizzati a ricevere due dosi di carico di 80 mg di Atorvastatina [ Torvast ] ( n=2.087 ) o di un placebo corrispondente ( n=2.104 ) prima e 24 ore dopo una procedura PCI programmata.
Tutti i pazienti hanno ricevuto 40 mg di Atorvastatina per 30 giorni a partire da 24 ore dopo la seconda dose di farmaco in studio.

L'esito primario era rappresentato dagli eventi MACE, definiti come un composito di mortalità per tutte le cause, infarto miocardico, ictus e rivascolarizzazione coronarica non-programmata a 30 giorni.

Su 4.191 pazienti ( età media, 61.8 anni, 1.085 donne, 25.9% ), 4.163 ( 99.3% ) hanno completato il follow-up a 30 giorni.
In totale 2.710 ( 64.7% ) sono stati sottoposti a procedura PCI, 333 ( 8% ) hanno subito un intervento chirurgico di innesto di bypass della arteria coronarica ( CABG ) e 1.144 ( 27.3% ) hanno avuto esclusivamente una gestione medica.

A 30 giorni, 130 pazienti nel gruppo Atorvastatina ( 6.2% ) e 149 nel gruppo placebo ( 7.1% ) hanno manifestato un MACE ( differenza assoluta, 0.85%; hazard ratio, HR=0.88; P=0.27 ).

Non sono stati riportati casi di insufficienza epatica; 3 casi di rabdomiolisi sono stati segnalati nel gruppo placebo ( 0.1% ) e 0 nel gruppo Atorvastatina.

In conclusione, tra i pazienti con sindrome coronarica acuta e una gestione invasiva pianificata con PCI, le dosi di carico periprocedurale di Atorvastatina non hanno ridotto il tasso di MACE a 30 giorni.
Questi risultati non supportano l'uso routinario delle dosi di carico di Atorvastatina tra i pazienti non-selezionati con sindrome coronarica acuta e gestione invasiva pianificata. ( Xagena2018 )

Berwanger O et al, JAMA 2018; 319: 1331-1340

Cardio2018 Farma2018


Indietro