Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Post sindrome coronarica acuta: stratificazione del rischio aterotrombotico ed Ezetimibe per la prevenzione secondaria


Ezetimibe ( Zetia ) migliora gli esiti cardiovascolari nei pazienti stabilizzati dopo sindrome coronarica acuta ( ACS ) quando è aggiunto alla terapia con statine.
Dopo la sindrome coronarica acuta, i pazienti variano considerevolmente nel loro rischio di eventi cardiovascolari ricorrenti.

È stata testata l'ipotesi che la stratificazione del rischio aterotrombotico possa essere utile per identificare i pazienti post-sindrome coronarica acuta che hanno il maggior potenziale di beneficio dall'aggiunta di Ezetimibe alla terapia con statine.

TIMI ( Thrombolysis In Myocardial Infarction ) Risk Score for Secondary Prevention ( TRS 2°P ) è un semplice strumento di stratificazione del rischio in 9 punti, precedentemente sviluppato in un'ampia popolazione con aterotrombosi per predire la morte per cause cardiovascolari, l'infarto miocardico e l'ictus ischemico ( morte cardiovascolare / infarto miocardico / evento cerebrovascolare ischemico ).

È stato applicato questo strumento in modo prospettico a 17.717 pazienti post-sindrome coronarica acuta randomizzati a Ezetimibe e Simvastatina ( Vytorin ) o a placebo e Simvastatina ( Sinvacor ) nello studio IMPROVE-IT ( Improved Reduction of Outcomes: Vytorin Efficacy International Trial ).
L'efficacia del trattamento è stata valutata dal rischio di base per morte cardiovascolare / infarto miocardico / eventi cerebrovascolari ischemici, endpoint compositi di IMPROVE-IT, ed endpoint dei singoli componenti a 7 anni.

Tutte le 9 variabili cliniche di TRS 2°P sono risultate indicatori di rischio indipendenti per morte cardiovascolare / infarto miocardico / evento cerebrovascolare ischemico ( P minore di 0.001 ).

È stata mostrata una forte relazione graduale con il tasso di morte cardiovascolare / infarto miocardico / eventi cerebrovascolari ischemici, gli endpoint compositi dello studio e i singoli componenti ( P tendenza minore di 0.0001 per ciascuno ).

I pazienti ad alto rischio ( n=4.393, 25% ), definiti da 3 o più indicatori di rischio, hanno presentato una riduzione del 6.3% del rischio assoluto di morte cardiovascolare / infarto miocardico / eventi cerebrovascolari ischemici a 7 anni con la combinazione di Ezetimibe e Simvastatina, tradotta in un numero necessario da trattare pari a 16.
I pazienti a rischio intermedio ( 2 indicatori di rischio; n=5.292; 30% ) hanno presentato una riduzione del rischio assoluto del 2.2%.
I pazienti a basso rischio ( indicatori di rischio 0-1, n=8.032, 45% ) non sono sembrati trarre beneficio dall'aggiunta di Ezetimibe ( P interazione=0.010 ).

In conclusione, la stratificazione del rischio aterotrombotico con TRS 2°P ha identificato i pazienti ad alto rischio che traggono i maggiori benefici dall'aggiunta di Ezetimibe alla terapia con statine per la prevenzione secondaria dopo sindrome coronarica acuta. ( Xagena2017 )

Bohula EA et al, J Am Coll Cardiol 2017; 69: 911-921

Cardio2017 Farma2017


Indietro